Edizioni Condaghes
Edizioni Condaghes

condaghes.com

Tìtulos
Tìtulos
Autores
Novas
Documentos

CATÀLOGU

Vespro sardo

Dagli esordi della dominazione piemontese allŽinsurrezione del 28 aprile 1794

Autore/es Federico Francioni
2001
ISBN 978-88-86229-81-4
Colletzione Su fraile de sŽistòricu
Pàginas 416
Formadu Dim. 135x210 mm
Suportu Libru
Prèsu € 18,08
Vespro sardo

Il 28 aprile 1794 (insurrezione di Cagliari contro il governo piemontese; il moto poi si estese ad Alghero ed a Sassari) viene da unŽonda lunga e riguarda vicende e conflitti che affondano le loro radici nel passaggio dalla dominazione spagnola a quella sabauda. Sulla base di un consistente dossier archivistico, vengono focalizzati i contrasti che a Sassari, lungo gli anni trenta del Settecento, opposero nobili, notabili ed esponenti dellŽintellettualità cittadina al governatore barone Tondut ed alla moglie di questi, donna dal temperamento dispotico. Essi furono accusati di comportamenti sprezzanti, logiche discriminatorie, accaparramenti, prepotenze e malversazioni. Ancora Sassari è al centro dellŽindagine sulla sommossa del 1780 che contiene alcuni elementi premonitori del Novantaquattro cagliaritano: fra questi viene messo in rilievo il ruolo degli artigiani che sarebbe profondamente errato considerare massa subalterna, manovrata dai nobili e dalla borghesia mercantile e professionale. Ai Gremi ed in generale al lavoro delle maestranze nelle botteghe, alla loro presenza nella società è dedicato un ampio capitolo. Quello sul 28 aprile ricostruisce dettagliatamente le diverse fasi della rivolta. Superbi ministri e funzionari regi, aristocratici, commercianti, imprenditori, avvocati, intellettuali e popolani costituiscono un dinamico quadro dŽinsieme nel quale si delinea anche un nuovo ruolo delle donne, posto specificatamente in risalto da alcune pagine. LŽautore, partendo
dallŽesigenza di un nuovo indirizzo metodologico, rompe decisamente con il paradigma, a lungo invalso nellŽindagine storiografica, di una Sardegna arcaica, statica ed arretrata, sottolineando polemicamente gli apporti, gli scambi e le relazioni con gli altri paesi, gli influssi diretti ed indiretti dellŽilluminismo e della Rivoluzione francese sulla situazione isolana.