Edizioni Condaghes
Edizioni Condaghes

condaghes.com

Týtulos
Týtulos
Autores
Novas
Documentos

CATÀLOGU

Vespro sardo

Dagli esordi della dominazione piemontese all┤insurrezione del 28 aprile 1794

Autore/es Federico Francioni
2001
ISBN 978-88-86229-81-4
Colletzione Su fraile de s┤ist˛ricu
Pàginas 416
Formadu Dim. 135x210 mm
Suportu Libru
Prèsu € 18,08
Vespro sardo

Il 28 aprile 1794 (insurrezione di Cagliari contro il governo piemontese; il moto poi si estese ad Alghero ed a Sassari) viene da un┤onda lunga e riguarda vicende e conflitti che affondano le loro radici nel passaggio dalla dominazione spagnola a quella sabauda. Sulla base di un consistente dossier archivistico, vengono focalizzati i contrasti che a Sassari, lungo gli anni trenta del Settecento, opposero nobili, notabili ed esponenti dell┤intellettualità cittadina al governatore barone Tondut ed alla moglie di questi, donna dal temperamento dispotico. Essi furono accusati di comportamenti sprezzanti, logiche discriminatorie, accaparramenti, prepotenze e malversazioni. Ancora Sassari è al centro dell┤indagine sulla sommossa del 1780 che contiene alcuni elementi premonitori del Novantaquattro cagliaritano: fra questi viene messo in rilievo il ruolo degli artigiani che sarebbe profondamente errato considerare massa subalterna, manovrata dai nobili e dalla borghesia mercantile e professionale. Ai Gremi ed in generale al lavoro delle maestranze nelle botteghe, alla loro presenza nella società è dedicato un ampio capitolo. Quello sul 28 aprile ricostruisce dettagliatamente le diverse fasi della rivolta. Superbi ministri e funzionari regi, aristocratici, commercianti, imprenditori, avvocati, intellettuali e popolani costituiscono un dinamico quadro d┤insieme nel quale si delinea anche un nuovo ruolo delle donne, posto specificatamente in risalto da alcune pagine. L┤autore, partendo
dall┤esigenza di un nuovo indirizzo metodologico, rompe decisamente con il paradigma, a lungo invalso nell┤indagine storiografica, di una Sardegna arcaica, statica ed arretrata, sottolineando polemicamente gli apporti, gli scambi e le relazioni con gli altri paesi, gli influssi diretti ed indiretti dell┤illuminismo e della Rivoluzione francese sulla situazione isolana.