Edizioni Condaghes
Edizioni Condaghes

condaghes.com

Titoli
Titoli
Autori
Notizie
Documenti

CATALOGO

Le identità linguistiche dei sardi

Autore/i Roberto Bolognesi
Anno di edizione 2013
ISBN 978-88-7356-225-2
Collana Ainas
Pagine 216 (illustrato)
Formato Dim. 170x240 mm
Supporto Libro
Prezzo € 20,00
Le identità linguistiche dei sardi

In una comunità multilingue, come quella sarda, lŽimpiego di una o dellŽaltra lingua disponibile per lŽinterazione linguistica non dipende dal caso, ma è frutto di una scelta non necessariamente cosciente. Adottando una lingua si adotta anche lŽidentità linguistica e un ruolo sociale a essa - in un modo o nellŽaltro - collegata.
Le identità linguistiche dei sardi presenta una ricerca sul rapporto che i sardi hanno con le varie lingue usate nellŽisola, ma anche sul rapporto che le varietà del sardo hanno tra di loro e con la LSC. Il titolo parla di ŽidentitàŽ, al plurale, perché lŽidentità - linguistica e non - non è una condizione statica, ottenuta una volta per tutte, ma il risultato del nostro agire pratico. I sardi hanno a loro disposizione un repertorio linguistico che normalmente comprende varie forme dellŽitaliano (da quello standard a quello regionale) e varie forme del sardo, con il dialetto locale che padroneggia attivamente e le altre varietà passivamente. Linguisticamente, allora, un sardo assume lŽidentità che corrisponde alla lingua che usa in quella data situazione di interazione linguistica a cui partecipa. Si è linguisticamente sardi quando si usa il sardo, sia attivamente che passivamente, per comunicare. Se invece usiamo lŽitaliano (di Sardegna), assumiamo unŽidentità linguistica italiana (periferica).
Non esiste quindi unŽidentità linguistica indipendente dalla pratica linguistica e, di conseguenza, non esiste unŽunica identità, ma tutte quelle che assumiamo quando decidiamo di usare lingue differenti in interazioni differenti. Rispetto al rapporto con le altre varietà del sardo, si può dire che un parlante assume unŽidentità sarda quando usa la sua varietà con parlanti di altre aree dialettali, mentre ne assume una, per esempio, ŽcampidaneseŽ se si limita a usare la sua varietà con i parlanti della stessa area.