Edizioni Condaghes
Edizioni Condaghes

condaghes.com

Titoli
Titoli
Autori
Notizie
Documenti

CATALOGO

Gonario Pinna

Ragione e passione

Autore/i Giacomino Zirottu
Anno di edizione 2006
ISBN 978-88-7356-081-4
Collana Pósidos
Pagine 248 (illustrato)
Formato Dim. 150x210 mm
Supporto Libro
Prezzo € 18,00
Gonario Pinna

LŽautore ricostruisce, grazie soprattutto a materiale dŽarchivio finora inedito, la vita e lŽopera di Gonario Pinna, che viene unanimemente considerato uno dei più illustri rappresentanti della storia politica e culturale della Sardegna del Ž900: lŽambiente familiare, la formazione giuridica in Italia e in Germania, lŽantifascismo a Nuoro, le battaglie politiche dagli anni Ž40 agli anni Ž70, dallŽazionismo al sardismo e al socialismo, la professione forense, la passione letteraria, le lucide analisi sulla criminalità sarda.
In appendice viene pubblicato per la prima volta integralmente un interessantissimo diario del 1918, sulla drammatica esperienza vissuta da Pinna nella prima guerra mondiale, tra il fronte e la prigionia.

Gonario Pinna, avvocato penalista, pubblicista, deputato socialista dal 1958 al 1963, è considerato  uno dei più grandi intellettuali sardi del Ž900. Nacque nel 1898 a Nuoro, dove morì nel 1991. Conseguì la laurea in giurisprudenza a Roma, dove frequentò la Scuola dŽapplicazione giuridico-criminale di Enrico Ferri e Arturo Santoro. Si perfezionò presso lŽIstituto Criminalistico di  Berlino, dove seguì anche le lezioni di filologia romanza e di linguistica sarda di Max Leopold Wagner. Più tardi conseguì a Cagliari la laurea in filosofia. Repubblicano e antifascista nel ventennio, azionista dopo il Ž43, fu poi tra i maggiori protagonisti delle battaglie sardiste prima di approdare, nel 1955, al PSI, partito nel quale militò fino agli ultimi giorni della sua vita. Acutissimo studioso dei fenomeni di criminalità e del secolare malessere economico-sociale della Sardegna, fine giurista, avvocato di indiscusso prestigio, sensibile cultore della letteratura, delle arti e della storia sarda, testimoniò con vari scritti le sue forti passioni civili e culturali. Tra le sue opere ricordiamo: "Analfabetismo e delinquenza in Sardegna", "Il pastore sardo e la giustizia", "La criminalità in Sardegna", "Memoriale di un penalista sardo", "Antologia dei poeti dialettali nuoresi". Per il teatro ha scritto due drammi "Il castigo" e "La malasorte", e una commedia "Non sempre il male viene per nuocere".